Il sentiero di Papa Giovanni

Con il suo ritorno nell’amata terra natìa, il sentiero di Papa Giovanni XXIII, ovvero il percorso che il giovane Angelo Roncalli percorreva per recarsi da Sotto al Monte al collegio di Celana dove studiava, è stato pulito e sistemato. Potete trovare il sentiero mappato sul sito di Orobie oppure su altri siti di enti locali. Sul percorso è indicato da segnaletica CAI con l’immagine stilizzata del papa e la scritta “JXXIII”.

Il sentiero alternativo dalla Polisena

La Polisena non si trova sul sentiero di Papa Giovanni, ma per chi volesse raggiungere il collegio di Celana, è possibile farlo seguendo i sentieri che partono proprio da qui, su un facile percorso ad anello che attraversa boschi e campi. Una passeggiata di circa un’ora e mezza, su sentiero facile e ben tracciato, adatta anche ai bambini. Una passeggiata che attraversa freschi tratti boschivi, nei quali trovare un po’ di refrigerio dalla calura estiva. Si consiglia di portare dell’acqua perché non sono presenti fonti lungo il percorso e di indossare scarpe comode, per godersi appieno l’escursione.

Per chi volesse combinare la passeggiata con un momento goloso e di relax, consigliamo di dare un’occhiata alle nostre offerte che spaziano dal pranzo, alla Spa, al pernottamento:

Scopri le offerte

Informazioni sul percorso

Partenza: Agriturismo Polisena

Arrivo: Agriturismo Polisena

Località toccate: Ca’ di Maggio – Gronfaleggio – Celanella – Celana  – (Cascina Bleggio)

Durata: 90 minuti circa

Acqua sul percorso: no

Difficoltà: percorso facile adatto anche a bambini (senza passeggino);

Andata

Percorrete il sentiero erboso che passa di fianco all’ovile e al pollaio dell’agriturismo ed entra nel bosco. Percorrete il sentiero foglioso fino all’incrocio con il sentiero che conduce in Valcava. Girate a sinistra e arriverete a un bivio. Seguite le indicazioni per Ombria e Celana vecchia, costeggiando un muro di cinta su una leggera salita, fino all’inizio di un altro bosco. Qui potete prendere solo il sentiero che scende a destra con indicazione Celana vecchia/Ombria, dal momento che quello a sinistra è segnalato come interrotto poco più avanti da un edificio diroccato. Si comincia la discesa nel bosco, fresca e a tratti panoramica, dove si incontrano due o tre roccoli da caccia.

La vista dal sentiero che parte dalla Polisena e passa a fianco delle nostre pecore
Uno dei roccoli che si incontrano lungo il percorso

Proseguendo per circa 20 minuti si arriverà a un incrocio dove, sulla sinistra, è segnata “Celanella”. Seguite questa indicazione e scendete per il percorso, questa volta un po’ più ripido, che porta ai caseggiati della frazione arrivando su strada asfaltata. Da queste case si raggiunge in due minuti il collegio di Celana, luogo di formazione di tante generazioni di ragazzi, chiuso nell’estate 2013 e in parte in decadimento. Proprio in questo luogo si recava ogni giorno a piedi il giovane Angelo Roncalli da Sotto il Monte, per poter seguire le lezioni.

Da qui, i più allenati e i più devoti, riallacciandosi al sentiero vero e proprio di Papa Giovanni, possono continuare per S. Antonio e S. Gregorio, altri luoghi legati a Roncalli che soggiornò in queste frazioni per un breve periodo sempre durante la sua formazione a Celana, oppure prendere il sentiero nell’altra direzione e arrivare fino a Sotto il Monte.

Il collegio S. Carlo di Celana
La segnaletica del sentiero di Papa Giovanni
Segnaletica per il rientro in Polisena

Ritorno

Per tornare in Polisena bisogna costeggiare le mura del collegio e, arrivati alla piazzetta della chiesa di Santa Maria Assunta in Celana, prendere Via del Calvario seguendo le indicazioni per Gronfaleggio, raggiungendo poco più in alto il sentiero fatto all’andata.

In alternativa, dalla piazzetta della chiesa è possibile anche seguire via dell’agricoltura e raggiungere la frazione di Cascina Bleggio. Da qui la strada asfaltata (ma molto poco frequentata) continua fino a immettersi nel bosco e diventare in seguito una salita piuttosto ripida che raggiunge anch’essa la località Gronfaleggio proprio dietro l’agriturismo.

 

 

Lascia un commento

*